news

Bertin sul nuovo dpcm: “Pare che limitare e chiudere le attività sia sempre la panacea di tutti i mali”.

“Quando quest’estate, mentre la curva dei contagi e dei malati migliorava, si diceva “attenzione che in autunno l’emergenza tornerà”, cosa si è fatto a livello di programmazione per scongiurare le misure più drastiche? Scontiamo ritardi e pare che limitare e chiudere le attività sia sempre la panacea di tutti i mali. Molte sono da tempo in sofferenza, altre con poche possibilità di sopravvivenza. Il perdurare dello stato di crisi dell’economia non giova al Paese”.

Il presidente Bertin: “Buon lavoro alla nuova Giunta regionale. Sempre pronti alla collaborazione”.

“Buon lavoro al presidente e ai nuovi assessori, Confcommercio conferma la sua piena disponibilità al dialogo e alla collaborazione per affrontare le sfide del presente e del futuro, specialmente in questo delicatissimo periodo. Salutiamo positivamente la continuità nel referato di nostro più diretto riferimento: ripartiremo da dove eravamo rimasti, pronti a fare la nostra parte come maggiore associazione di categoria del Veneto”.

Il terziario in Veneto nel periodo del lockdown

Bertin: “Difficoltà a creare nuovo lavoro, invertire la tendenza sull’età degli imprenditori”.

Minello: “Imprese chiamate a cambiare. Recupero possibile solo nella seconda parte del 2021”.

Nel turismo a rischio 1,3 milioni di posti di lavoro

“Osservatorio sul mercato del lavoro nel Turismo” di Federalberghi, Fipe ed Ebnt: da gennaio a maggio le assunzioni si sono ridotte dell’80% per i contratti di lavoro stagionale e del 60% per quelli a tempo determinato.

Il Veneto prima regione d’Italia per consumo di suolo

Nel 2019 in Veneto sono stati consumati 785 ettari, portando il dato totale a 217.619 ettari, pari al 12,35% di tasso d’impermeabilizzazione del territorio regionale, secondo solo alla Lombardia e a fronte di una media nazionale di 7,65%. Non solo: ogni anno in Veneto un ettaro viene “rosicchiato” per 4,28 metri quadrati e ogni nuovo abitante che si insedia si “mangia” un ettaro.