Cerca
Close this search box.

NEWS

Figisc, Faib e Fegica in assemblea per discutere dei temi caldi dei distributori di carburanti del Veneto

Oltre 80 i gestori radunati nella sede di Esac Formazione presso Confcommercio Vicenza a Creazzo. Il presidente nazionale Bearzi: “Fondamentale il nostro servizio alla cittadinanza, non è colpa nostra se i prezzi di diesel e benzina salgono”

(Venezia, 7 maggio 2024) – Si è tenuta lunedì scorso a Creazzo di Vicenza l’assemblea generale dei distributori del Veneto che ha raccolto le tre sigle sindacali di settore: Figisc Confcommercio, Faib Confesercenti e Fegica. L’occasione è stata utile a fare il punto della situazione e ribadire la richiesta al governo di un confronto sul più volte annunciato decreto di riordino del settore. A tal proposito al tavolo era seduto il sottosegretario Massimo Bitonci.

A tracciare le indicazioni di fondo è il presidente nazionale di Figisc Bruno Bearzi: “Il primo tema riguarda i contratti con i gestori: noi riteniamo che il contratto d’appalto non garantisca e non tuteli il gestore, ma sia preferibile ricorrere a contratti già disciplinati dalle norme di settore quali il contratto di comodato gratuito dell’impianto e fornitura in esclusiva oppure di commissione, perché solo così è possibile assicurare ai lavoratori una durata certa del servizio e le economie necessarie”.

All’ordine del giorno anche la questione dei rialzi, anche rilevanti, del prezzo del carburante alle pompe, argomento sempre molto sentito dalla popolazione: “Quando il diesel e la benzina crescono, la gente pensa che sia colpa dei gestori, ma non è così – spiega Bearzi –. A incidere è il concatenarsi di varie componenti: pesa la crisi internazionale che allunga i tempi di fornitura; incide la tassazione nazionale, che tra Iva e accise pesa per 0,90 centesimi al litro per la benzina e 0,76 al litro per il diesel, e dunque per più della metà; inoltre si fa sentire il cambio moneta dollaro/euro. Il destinatario finale della vendita di carburanti è bene che sappia che i gestori guadagnano 3 centesimi al litro in modalità self-service e 5 in modalità servito. È del tutto evidente come stanno le cose”.

Sull’esposizione del cartello con il prezzo medio, introdotto dal governo e poi bocciato dai giudici amministrativi, il presidente Bearzi sottolinea che “il cartello non ha fatto abbassare i costi, quindi non è servito a niente. Siamo soddisfatti che non sia più obbligatorio procedere all’aggiornamento. In ogni caso tutti coloro che vanno a rifornirsi sono egualmente tutelati dal fatto che ci si può collegare on-line all’Osservatorio prezzi del ministero, dove è possibile consultare il prezzo medio della propria zona oppure della propria tratta di competenza”.

Quanto alla riorganizzazione della rete distributiva, Bearzi sottolinea che “il nostro è un servizio fondamentale per la cittadinanza. Va trovato il giusto equilibrio tra esigenze del gestore e l’offerta del carburante, garantendo presenza, capillarità e professionalità”.