Cerca
Close this search box.

NEWS

Bertin e Schiavon su concessioni balneari a Jesolo: “Posizione polemica del presidente nazionale del Sib”

I presidenti di Confcommercio Veneto, Patrizio Bertin, e di Federalberghi Veneto, Massimiliano Schiavon, intervengono sulle gare per le nuove concessioni balneari a Jesolo: “La legge regionale n.33 è una scelta condivisa dagli imprenditori e dal sistema sindacale regionale. Sorprende la posizione pretestuosamente polemica del presidente nazionale del Sib”.

(Venezia, 17 febbraio 2024) – In merito agli esiti delle gare per le concessioni balneari delle Unità minime di gestione n. 5 e n.7 di Jesolo, i presidenti di Confcommercio Veneto Bertin e di Federalberghi Veneto Schiavon, in una nota congiunta, dichiarano:

“Aprendo alla liberalizzazione, la direttiva Bolkestein ha cambiato gli scenari, provocando non poche difficoltà a livello nazionale. Il Veneto è l’unica regione che ha saputo dotarsi di una legge, la n.33, che ha disciplinato la questione, prevedendo procedure a evidenza pubblica e bandi di gara per l’assegnazione delle concessioni. Giova ricordare che questo strumento normativo è stato adottato a valle di un percorso di confronto e condivisione che ha coinvolto, in ogni passaggio, il sistema sindacale veneto. Per questo stupiscono certe dichiarazioni del presidente nazionale del Sib, il quale evidentemente dimentica che la direzione tracciata dalla legge n.33, adottata peraltro da tutti coloro hanno inteso partecipare alle gare di evidenza pubblica, corrisponde pertanto a una consapevole volontà espressa dagli imprenditori stessi e che le associazioni sindacali di rappresentanza hanno il dovere di rappresentare. Personalizzare poi la polemica o strumentalizzarla a fini politici è inammissibile”.

“Bene hanno fatto l’assessore Caner e a seguire la sindaca Nesto, presidente della Conferenza dei Comuni affacciati sul mare della nostra regione, a ricordare le opportunità offerte dalla legge veneta al fine di garantire il rinnovo ventennale delle concessioni agli operatori del nostro territorio – sottolineano i presidenti Bertin e Schiavon –. È grazie a questa che può essere adottato un modello innovativo che porterà consistenti investimenti, strategici per il rilancio dell’intero settore. Gli aggiudicatari di queste prime gare non sono multinazionali o grandi gruppi, ma aggregazioni di imprenditori locali. Dispiace chiaramente per coloro che non risultano tra gli aggiudicatari, ma siamo certi che il dialogo e la collaborazione tra tutti i soggetti locali, aggiudicatari e non, terrà debitamente conto delle esigenze di tutti gli operatori nell’interesse della destinazione e dei suoi milioni di ospiti. Su questo le associazioni di categoria vigileranno attentamente. Non corrisponde al vero che sia stato introdotto un meccanismo penalizzante. Anzi, il modello veneto, se applicato correttamente, potrebbe rischiare soltanto di fare scuola in tutta Italia”.